Al giorno d'oggi ascoltiamo sempre "la nuvola" per tutto il tempo. Sembra proprio questo sistema sconosciuto che a nessuno interessa capire. Sappiamo solo che è la cosa più recente in circolazione e che funziona. Genera milioni ad Amazon AWS, Azure da Microsoft e molti altri provider.

1. Che cos'è "il cloud"?

Quindi la nuvola ovviamente non è nel cielo. È una relazione software-hardware che aiuta a migliorare le prestazioni di condivisione risorse tra data center.

La definizione corretta è:

"Una rete globale di server, ognuno con una funzione unica. Il cloud non è un'entità fisica, ma è invece una vasta rete di server remoti in tutto il mondo che sono collegati tra loro e pensati per funzionare come un singolo ecosistema."

https://azure.microsoft.com/en-us/overview/what-is-the-cloud/

Questo risolve uno dei maggiori problemi nell'informatica e nell'elaborazione dei dati. Dove prima ogni server aveva bisogno di hardware costoso come molta memoria, RAM e CPU. Adesso puoi avere focalizzato sui server su un pezzo come l'hardware intensivo della CPU o l'hardware intensivo della RAM. Questo lo rende più economico e scalabile. E aiuta anche a utilizzare tutte le risorse alla loro massima capacità.

 

Immagina di avere 2 server con capacità 30% ciascuno. Ma hai bisogno di almeno 40% di risorse. In modo classico, non saresti in grado di accedere a tali risorse perché hai bisogno di almeno la capacità 30% su qualsiasi server. Quello che fa il cloud computing è che ora hai la capacità 60% e le risorse di entrambi i server sono riassunte.

 

In altre parole, funziona come a di bilanciamento del carico

 

di bilanciamento del carico

2. Cosa lo rende migliore del calcolo convenzionale?

È molto meglio del calcolo convenzionale perché ha funzionalità integrate.

Per esempio:

  • è ridondante, se un server si guasta non succede nulla.
  • È scalabile ed elastico. Se è richiesto un picco, è possibile espandersi facilmente su più server.
  • È molto flessibile. Fondamentalmente puoi fare tutto su un ambiente cloud. Intelligenza artificiale, apprendimento automatico, analisi dei big data.

Prima di ognuna delle funzionalità che ho menzionato, le aziende avevano un grande costo. I server dedicati non erano scalabili, difficili da mantenere con un sacco di personale. Non c'era flessibilità ed era difficile raggruppare i server insieme. Questo è il unico motivo perché il cloud computing ha raggiunto la vetta. 

2.1 Cloud VPS vs Clasic VPS 

Ora confronta un VPS vs a CLOUD INSTANCE. Hai tecnicamente il stessa quantità di risorse, velocità, ecc ... Ciò che non hai è lo stesso facilità per la scalabilità. Ciò significa che non puoi semplicemente chiedere al tuo provider 1 TB di memoria aggiuntiva o 128 GB per solo un'ora. Questo è qualcosa che puoi fare su un cloud ma non con i provider VPS convenzionali.

Questo è spesso volte perché solo confrontare i prezzi potrebbe sembrare di più costoso all'inizio per usare un computer cloud. Ma quando si prendono le limitazioni di server dedicati e server virtuali, è possibile optare per il ridimensionamento al cloud. 

 

2.2 Quando è utile un servizio cloud?

Un server o servizio cloud inizia a essere utile quando è necessaria una scalabilità esplosiva. Prendiamo Netflix come esempio. Usano AWS perché hanno picchi su richiesta molte volte. Ogni volta che esce un film top di gamma come House of Cards o Money Heist che ha milioni di spettatori che accedono contemporaneamente ai contenuti contemporaneamente. Questo è un capacità supplementare che Netflix avrebbe dovuto costruirsi da solo, costando loro molto denaro all'investimento iniziale e manutenzione ricorrente. In questo caso di studio sarebbe utile procedere cloud pubblico o privato.

 

D'altra parte, se hai un piccolo sito web di 10 mila visitatori al giorno, non sarebbe conveniente usare un cloud pubblico. Ciò comporterebbe maggiori spese per il tuo sito web. Sarebbe meglio con un server virtuale. Non richiederebbe scalabilità "esplosiva" e immediata. Né avresti bisogno di un'enorme quantità di risorse.

 

3. Public Cloud vs Private Cloud vs Hybrid Cloud

Come funziona il "cloud"? 1

Potresti aver sentito parlare del cloud ibrido pubblico e privato. Tutti vengono utilizzati da piccole a grandi aziende per scopi diversi. Esploriamoli tutti.

 

Analizziamo le nostre tre opzioni per il cloud computing. Privato, ibrido e pubblico. Per prima cosa dobbiamo capire cosa significa questo per capirlo profondamente.

 

Il cloud privato è come avere il tuo set standard di server in un datacenter. Possiedi, gestisci e mantieni tutti i server.

 

Il cloud pubblico è quando vai da un provider come Amazon Amazon o Azure da Microsoft. Questi enormi fornitori hanno i propri datacenter. Non possiedi o gestisci i datacenter. Inoltre, hai la libertà di scalare su e giù senza costi aggiuntivi per te.

 

Il cloud ibrido è una combinazione di cloud privato e pubblico. Questo sarebbe quando si mantiene una capacità di base nei propri data center. Questa capacità può essere espansa o contratta sul cloud pubblico. Questa è la soluzione più conveniente a lungo termine, in quanto non hai alcuna capacità aggiuntiva nelle tue strutture perché puoi espandere e contrarre tutto il necessario sul cloud pubblico.

 

Ora che sappiamo cos'è ogni nuvola, vediamo qual è la migliore.

 

Quando si ha a cloud privato, ne hai moltissimi controllo. Ciò significa che sai chi entra nelle tue strutture, chi accede ai tuoi dati. Quanta capacità hai e di quali tipi di server hai bisogno. Questo tipo di esigenze imprevedibili dei server cloud per una determinata azienda o azienda. Queste attività sono generalmente soggette a standard normativi o governativi che richiedono un elevato livello di sicurezza.

 

Come accennato in precedenza, il il cloud privato è solo per un'organizzazione. Ciò significa che puoi personalizzarlo in base alle tue esigenze specifiche. Esigenze che richiedono grafica intensiva, CPU intensiva o memoria intensiva. Ciò offre prestazioni migliori per la tua organizzazione ma a costi più elevati.

 

Operativo a privato nube porta spesso maggiore complessità a un'azienda che richiede molta automazione e self-service per l'utente. Ciò significa mantenere un team IT in grado di gestire l'intero cloud.

 

D'altra parte, abbiamo il cloud pubblico. Questo ti offre moltissimo scalabilità, risparmio sui costi a breve e medio termine. Non è necessario mantenere server o acquisirli. Non è necessario un team IT specializzato e riduce la complessità all'interno di un'organizzazione.  Paghi solo ciò che usi. Puoi ridimensionare e ridimensionare quanto vuoi senza troppi problemi.

 

In breve, ecco una tabella che aiuta a descrivere le principali differenze tra questi tre.

generePubblicoPrivatoIbrido
SicurezzaBassoaltomedio
CostoBassoaltomedio
AffidabilitàBasso-medioaltoBasso-medio
PrestazionemedioaltoMedia altezza
Controllo e flessibilitàBassoaltomedio
scalabilitàaltoBassomedio
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
cinguettio
Condividi su linkedin
LinkedIn
In questo articolo: